Area crisi Vibrata-Piceno, presentazione del progetto di rilancio e degli incentivi per le imprese

Articolo originale: Abruzzo Sviluppo

“Il Programma di rilancio Val Vibrata-Valle del Tronto Piceno” al centro dell’evento di presentazione del progetto di riconversione e di riqualificazione industriale che si terrà mercoledì 27 settembre alle 14.30 presso la sede di Piceno Consid in via della Cardatura a Marina del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno.

All’evento, al quale prenderà parte anche Invitalia, saranno illustrati i particolari del progetto e gli incentivi per lo sviluppo del territorio previsti dall’Accordo di Programma firmato lo scorso 28 luglio 2017 tra il Ministero dello Sviluppo economico, la Regione Marche, la Regione Abruzzo, la Provincia di Teramo, la Provincia di Ascoli Piceno ed Invitalia.

L’Accordo prevede l’impiego di risorse pubbliche per complessivi 61,557 milioni di euro, di cui 32 stanziati dal Mise (Legge 181/89); 14,807 dalla Regione Marche e 14,750 dalla Regione Abruzzo.

Dei 32 milioni di euro stanziati dal Mise, 15 milioni sono destinati alla Regione Abruzzo, 17 milioni spettano alla Regione Marche.

All’evento di presentazione interverranno il vice presidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, il vice presidente della Regione Marche, Anna Casini; il responsabile della divisione IV del Mise, Marco Calabrò e il responsabile della funzione Sviluppo e CRM di Invitalia, Corrado Diotallevi.

La zona industriale di “Val Vibrata – Valle del Tronto Piceno” è stata riconosciuta “area di crisi industriale complessa” per le problematiche legate alla grave crisi che ha colpito le principali aziende, più l’indotto, operanti nell’area.

L’Area di crisi comprende 53 Comuni* (DM 10 febbraio 2016) compresi nei SLL di Ascoli Piceno, Comunanza, Martinsicuro e San Benedetto del Tronto, così articolati:

  • 40 Comuni della Regione Marche (province di Ascoli Piceno e Fermo)
  • 13 Comuni della Regione Abruzzo (provincia di Teramo).

Con l’Accordo di Programma del 28 luglio 2017 Ministero dello sviluppo economico, Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regione Marche, Regione Abruzzo, Provincia di Ascoli Piceno, Provincia di Teramo e Invitalia si sono impegnati ad attuare il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale-PRRI dell’area.

Gli oltre 61 milioni di euro a disposizione di questa misura serviranno a finanziare iniziative imprenditoriali, in attuazione del Progetto di riqualificazione industriale, dell’area di crisi complessa nell’area di crisi Val Vibrata – Valle del Tronto-Piceno.

La misura finanzia la realizzazione di una o più iniziative imprenditoriali volte a migliorare la competitività e ad attrarre investimenti nell’area di crisi a cavallo tra Abruzzo e Marche.

Sono considerate ammissibili le iniziative realizzate nel territorio dei Comuni rientranti nell’area di crisi*, che:

  • prevedano la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione,
  • comportino un incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Sono considerati prioritari gli ambiti produttivi relativi a:

  • Industrie alimentari
  • Industrie tessili
  • Confezioni di articoli da abbigliamento
  • Fabbricazione di prodotti chimici
  • Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche
  • Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature)
  • Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi
  • Fabbricazione mobili per arredo domestico (solo per la Regione Marche)
  • Alloggio.

Soggetto gestore dell’intervento è Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa, cui deve  essere presentata  la domanda di accesso alle agevolazioni, dal prossimo 25 ottobre 2017 e fino al 24 novembre 2017.

 

IL PROGETTO DI RICONVERSIONE E RIQUALIFICAZIONE INDUSTRIALE-PRRI

Il Progetto ha la finalità di:

  • rafforzare il tessuto produttivo esistente
  • attrarre nuovi investimenti
  • sostenere il reimpiego dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro

ed individua un’offerta localizzativa composta da:

 

Per inviare la domanda è necessario:

  • registrarsi ai servizi online di Invitalia, indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario
  • una volta registrati, accedere all’area riservata per compilare direttamente online la domanda, caricare il piano di impresa e la documentazione da allegare

 

Modulistica e strumenti:

Val Vibrata-Valle del Tronto-Piceno – Tutta la modulistica

 

Scarica la brochure

 

*Comuni rientranti nell’area di crisi

Regione Abruzzo

Provincia di Teramo

Ancarano,

Civitella del Tronto,

Sant’Egidio alla Vibrata,

Valle Castellana,

Alba Adriatica,

Colonnella,

Controguerra,

Corropoli,

Nereto,

Sant’Omero,

Torano Nuovo,

Tortoreto,

Martinsicuro

 

Regione Marche

Provincia di Ascoli Piceno

Acquasanta Terme,

Appignano del Tronto,

Arquata del Tronto,

Ascoli Piceno,

Castel di Lama,

Castignano,

Castorano,

Colli del Tronto,

Folignano,

Maltignano,

Montegallo,

Offida,

Roccafluvione,

Spinetoli,

Venarotta,

Comunanza,

Force,

Montalto delle Marche,

Montedinove,

Montemonaco,

Palmiano,

Rotella,

Acquaviva Picena,

Cossignano,

Cupra Marittima,

Grottammare,

Massignano,

Monsampolo del Tronto,

Montefiore dell’Aso,

Monteprandone,

Ripatransone,

San Benedetto del Tronto

Provincia di Fermo

Amandola,

Montefalcone Appennino,

Montefortino,

Montelparo,

Monte Rinaldo,

Ortezzano,

Santa Vittoria in Matenano,

Smerillo

 

L'articolo Area crisi Vibrata-Piceno, presentazione del progetto di rilancio e degli incentivi per le imprese sembra essere il primo su Abruzzo Sviluppo.

Link all'articolo Originale

2017-09-26T00:38:39+00:00 settembre 25th, 2017|Bandi|0 Commenti

Scrivi un commento